Volkswagen Tuareg

BOLOGNA TROTTO/IPPODROMO ARCOVEGGIO: resoconto delle corse di giovedì 28 novembre 2019

Zipriz domina tra i cadetti e fa sua la tqq

Campo affollati, proposte tecniche di primordine e top driver in pista in questa penultima riunione di novembre all’Arcoveggio, con il trotter felsineo teatro di un qualitativo miglio riservato alla leva 2015 e della tqq di giornata, un handicap davvero ben frequentato cui hanno aderito ben 17 agguerriti binomi.


Apertura con un occhio rivolto al futuro, in pista sette tra i migliori allievi driver del panorama nazionale alle redini di esperti ed affidabili  anziani, per la vittoria, dopo percorso di testa, da parte di Vida Loca Roc, ospite lombarda affidata al siculo Roberto D’Autilia che in 1.16.7  ha lasciato ad ampio margine un tenace Sognatore Adri ed la positiva Sunrunner; poi, gentlemen e tre anni nel prosieguo con la rocambolesca vittoria di Matteo Angeloni e della sua Arianna Dei Colli, favoriti al betting, hanno prevalso di misura sulle coppie America di Risaia/Samuele Querci e Aristide Dipa/Hudorovich, tutti accomunati dal medesimo, modesto  ragguaglio di 1.18.0.


Ancora la generazione 2016 in pista per un miglio al femminile con la squalifica della favorita Alba Lunare ed il coast to coast vittorioso di Alicante, allieva di Giorgio Cassani che in 1.17.8  ha preceduto Alice Pizz e Aspirinetta Oil, tutte assai trascurate al betting, mentre alla quarta, successo alla maniera forte per Bucefalo Lans, giovane forgiato con la riconosciuta professionalità da Andrea Baveresi che in 1.18.7 ha preceduto l’estrema outsider Brina di Risaia e la debuttante, nonché favorita Bye Bye Fili Effe.


Quinta corsa dell’uggioso pomeriggio un interessante miglio per quattro anni falcidiato dagli errori che hanno via via coinvolto l’ingestibile Zar Degli Ulivi, l’ardente Zola Budd, il favorito Zaccheo Del Ronco nonché Zumba Bi e Zittozitto Gso, con Zairon leader dal via sino a metà della dirittura d’arrivo, quando è prevalsa la maggior freschezza di Zipriz, allievo del team Casillo/Di Nardo, vincitore in 1.14.1 su Zenyatia Lux, terzo lo stanco allievo di Andrea Farolfi sul lontano Zimerman.


Giumente anziane hanno dato vita alla sesta corsa, un miglio che aveva in Tuberosa la plebiscitaria scelta antepost, ma la sette anni allenata dal team Gocciadoro ha sciupato tutto con una rabbiosa galoppata che l’ha estromessa dalla corsa, mentre la teutonica Maine ha assunto l’iniziativa mantenendola sin sul palo davanti a Vaciglia e a Uvella Vez, chiudendo in 1.16.1 nella mani di Roberto Vecchione.


Sotto la luce dei riflettori sono scesi in pista i partecipanti alla corsa tris, quartè e quintè, equilibrata sfida sui tre giri di pista che dopo una lunga serie di partenze annullate ha visto numerosi concorrenti vittime di irrimediabili rotture, con il guizzo dal secondo nastro da parte di Vanguardia che ha permesso alla cinque anni improvvisata da Maurizio Cheli di portarsi  al comando e gestire la leadership sino ai 500 finali, quando entrava in crisi finendo con lo sbagliare sotto la pressione di Vai Mò Blessed, che si isolava in avanti regalando il raddoppio a Roberto Vecchione e Holger Ehlert, mentre un sorprendente Today Winner Font conquistava il secondo posto su Tilde Mati, quarta la deludente favorita Vivienne Effe e quinta Ruen Peste Tft. Media di 1.16.9 per il vincitore e quote di tutti rispetto per tris, 816 euro e quartè. 6293, mentre la quintè arricchiva il jackpot rimandando gli scommettitori all’appuntamento di Roma Galoppo del venerdì.   


Prossimi appuntamenti: Sabato 30 Novembre ore 15.05; Domenica 1 Dicembre ore 14.25

Redazione


Fonte: Ippodromo Arcoveggio

Commenti

IPPICA: leggi anche...

INSTAGRAM TAKİPÇİ SATIN AL UCUZ twitter TAKIPCI AL elektronik sigara likit